Image

Paola Bradamante

L’artista contemporanea Paola Bradamente, nata a Trieste ma trasferita a Bolzano, è conosciuta per le sue opere di arte astratta: la rappresentazione su tela di sentimenti, stati d’animo, è il fulcro del suo lavoro. Le sue raffigurazioni infatti non sono città, paesaggi o figure ma piuttosto profumi, rumori, sensazioni. Tutto ciò che è percepibile della realtà viene trasposto sulla tela ma in forma diversa, secondo le regole dell’astrattismo.

Laureata in chimica e specializzata in Chimica e Biochimica Clinica, dopo anni di esperienze lavorative in questo settore decide di dedicarsi completamente alla sua passione più grande, la pittura. Sin da bambina nel tempo libero ha sempre provato “esperimenti” con diversi tipi di materiali, dai colori alle colle, definendo pian piano una propria visione astratta dell’arte.

Con il maturare della sua arte, la fase creativa diventa un momento di evasione dalla realtà, di liberazione dalla routine della vita. La corrente artistica che più si avvicina alle sue opere è quella dell’arte informale: l’espressione libera attraverso l’uso della materia.

Il metodo che ha inventato e che utilizza per elaborare le sue opere d’arte astratta è quello del “papel mojado” (carta bagnata): una volta bagnate le carte leggere e colorate, rilasciano il loro pigmento formando particolari composizioni sul supporto della tela. In questo modo è l’artista stessa che manipola la materia, sfibrando e stracciando con le sue mani le carte per distribuirle nello spazio. L’immagine che viene fuori cambia a seconda dell’intensità e delle sfumature dei colori e in base a quanto il pigmento resta impregnato nella carta.

Nata a Trieste il 18 agosto 1957. Risiede a Bolzano. Laureata in chimica presso l'Università di Trieste (1981), specializzata in Chimica e Biochimica Clinica presso l'Università di Brescia (1992). Dopo varie esperienze di lavoro in Italia e all'estero (Svizzera), per molti anni lavora presso il Laboratorio di Biochimica dell'ospedale di Bolzano. Ora si dedica completamente all'arte. Fin da piccola ha avuto un grande interesse per il disegno e la pittura (da bambina e adolescente ha avuto come maestra la scultrice ceramista Teresa Gruber). Pur dedicandosi ad altri studi, ha mantenuto sempre vivo l'interesse artistico. Da sempre si dedica alla pittura; il suo primo di vari maestri è stato il professor Galletti con cui ha approfondito diverse tecniche pittoriche, applicandole soprattutto allo studio e alla copia di dipinti famosi. Parallelamente ha sviluppato un approfondimento personale dell'arte informale, la sua forma di esprimersi. Usa colori a tempera ed acrilici, in modo particolare, insieme a materiali diversi (veline, vetro, alluminio). Ha esposto in diverse mostre personali e collettive soprattutto di pittura ma anche di fotografia in Italia (Bolzano, Merano, Trento, Padova, Venezia, Vicenza, Milano, Genova, Savona, Varazze, Torino, Ivrea, Spoleto, Perugia, Roma, Napoli, Capri ed altre), in Europa (Basilea, Innsbruck, Berlino, Stoccarda Londra, Figueres, Arles, Las Palmas, Budapest, Mosca, Porto, Lisbona, Istanbul ed altre), e in America Latina (Montevideo, Minas, Fray Bentos, Salto, San José, Uruguay; Buenos Aires, Argentina). Di lingua italiana, parla fluentemente spagnolo e tedesco e un poco di portoghese. É attualmente presidente dell'Associazione Artisti della Provincia di Bolzano, socia della FIDA - Trento, Federazione Italiana Degli Artisti.

MOSTRE PERSONALI
 
  • 2019 OLEAJE Paola Bradamante, sala Associazione degli Artisti, Bolzano (29 aprile - 12 maggio). 
  • 2019 Micro e Macrocosmi di Paola Bradamante, Torre Mirana, Trento (16 - 31 marzo). 
  • 2018 Bradamante, Mi mundo y yo, Galería Arenales, Buenos Aires (28 novembre - 10 dicembre). 
  • 2018 Enigmi del colore, galleria Carla Mazzoni, Roma (19 - 29 settembre). 
  • 2018 BRADAMANTE EQUILIBRI DIPINTI E FOTOFRAFIE, Sala Nervi, Savona (5 - 11 aprile). 
  • 2018 Transparencias, Galleria dell’Associazione degli Artisti, Bolzano (20 febbraio - 4 marzo).
  • 2018 INFINITO VERDE, Galleria dell’Associazione degli Artisti, Bolzano (3 - 15 febbraio).
  • 2018 DESPERTAR, Galleria dell’Associazione degli Artisti, Bolzano (29 gennaio - 2 febbraio). 
  • 2017 Paola Bradamante, Ispirazioni, Ipso Art Gallery, Perugia (18 novembre - 3 dicembre).
  • 2017 Mostra fotografica, La Bladousse, Buenos Aires (23 settembre - 3 ottobre).
  • 2017 Colore: abisso di materia, Galleria Poli D'Arte, Spoleto (15 settembre - 8 ottobre).
  • 2017 Terre Rare, Piccola Galleria di Bolzano (29 giugno - 11 luglio).
  • 2017 UP&DOWN, Galleria Civica, Bolzano (9 - 30 giugno).
  • 2017 fénix, Galleria dell’Associazione degli Artisti, Bolzano (6 - 11 marzo).
  • 2016 PAOLA BRADAMANTE, Galleria Associazione degli Artisti, Bolzano (27 giugno - 2 luglio).
  • 2015 FLOODED CITY, Galleria dell’Associazione degli Artisti, Bolzano (24 - 29 agosto).
  • 2015 PAOLA BRADAMANTE, Galleria ESPACE-La Stanza, Bolzano (11 - 30 maggio 2015).
  • 2014 DETTAGLI, mostra fotografica, Galleria dell’Associazione degli Artisti, Bolzano (30 giugno - 5 luglio) e Entrata dell'ospedale di Bolzano (16 - 31 luglio).
  • 2014 PAPEL MOJADO, Piccola Galleria di Bolzano (28 marzo - 9 aprile) e Sala Esposizioni del Centro per la Cultura, Merano, v. Cavour 1, (16 - 30 maggio).
  • 2013 EMOZIONI, Galleria dell’Associazione degli Artisti, Bolzano (4 - 16 marzo).
  • 2012 Viajeros, mostra itinerante in Uruguay (opere esposte in varie città durante l'anno). 
  • 2012 Acrílicos, Galleria dell’ Associazione degli Artisti, Bolzano (3 - 8 dicembre).
  • 2011 Color y/es vida, Piccola Galleria di Bolzano (2 - 14 dicembre).
  • 2011 Pianeti, Galleria dell’Associazione degli Artisti, Bolzano (1 - 8 agosto).
  • 2011 Colore e vita, Entrata dell'ospedale di Bolzano (1 - 15 aprile).
  • 2010 Paola Bradamante, opere, caffé Bossa-Nova, Bolzano (24 settembre - 31 dicembre).
"Non cercate le forme del visibile. Non tentate di corrompere i sensi con rimandi rassicuranti a familiari profili di quotidiana assenza. Non è l’occhio a guidarci davanti a una tela di Paola Bradamante, né mai potrebbe giacché nulla di ciò che appare è reale. Sono strati in continua evoluzione di materia che si trasforma, in un tempo sospeso e astratto, come filtrato dal vetrino di un microscopio. Sono tracce del tempo che sedimenta in minuscole particelle di colore, come un magma che raffreddi dopo l’eruzione. Fasi che si susseguono senza una logica apparente, come gli stati d’animo di un’esistenza di cui si cerchi la coerenza e il senso, sfogliando un album di fotografie.  Non è alchimia, è chimica pura. Non c’è mistero nella genesi di queste informi creature di bellezza. Paola Bradamante non evoca: disvela. Con la sapienza dello scienziato che sposta in avanti il limite della conoscenza, senza mai cedere all’utopia dell’onnipotenza. E in questo viaggio al centro della terra ritroviamo lo stupore di un’età trascorsa eppure mai sopita, che si nutriva delle avventure illustrate nei libri di Jules Verne."
Fulvia Strano 
"Enigmi del colore: Paola Bradamante è artista informale senza ripensamenti. Paola è biochimica e, pertanto, nella vita ha fatto ricerca e lavorato in un campo in cui la razionalità ha un ruolo fondamentale, eppure nel suo processo creativo c'è  un evidente rifiuto per ragione e razionalismo. L'abbandono del controllo raziocinante si riflette nelle sue opere nell'abbandono della forma. "Più è libero l'elemento astratto della forma, più è puro e originale il suo suono"   (Kandinsky)E' questa una scelta fondamentale della nostra artista che, evidentemente, nel suo fare arte non si vuole legare ad un tema o ad un'immagine precisa, ma vuole lasciare il campo libero alla necessità interiore, all'ispirazione del momento, di modo che l'impulso inconsapevole della sua interiorità possa epifanicamente concretizzarsi nella materia. Materia che Paola elabora con estrema cura, bagnando e immergendo la carta nel liquido colorato fino a vederla trasformarsi -nel colore, nella consistenza e nella forma- e nella reiterazione di questo gesto manuale si intuisce una lenta e silenziosa inconscia ritualità, una ritualità durante la quale  l'artista giunge ad identificarsi con la sua opera,  le sostanze utilizzate per realizzarla appaiono come allegorie della sua psiche  -frammenti di risonanze psichiche- e le sue Carte appaiono circondate da un'atmosfera quasi magica. Paola Bradamante ha eliminato dalle sue opere il superfluo e lasciato che solo l'essenziale, l'ideale artistico, si riveli con il suono interiore in una forma informale. Quando interrompere la saturazione più o meno intensa del colore o la metamorfosi della carta bagnata?  Può sembrare un arbitrio, un gesto occasionale di Paola senza particolare significato. In realtà corrisponde all'unico criterio veramente artistico ed essenziale, la sola guida infallibile nella creazione dell'opera d'arte:  il principio della necessità interiore. Alga gialla, Infinito verde, Blu verde, Fiore nero, Blu azzurro,  sono alcuni dei titoli con cui Paola Bradamante completa le sue opere, mentre esplora quei colori liquidi e cangianti, a volte tenui a volte di un colorito profondo, le forme informi accartocciate e sbocconcellate, cercando forse di chiarire a se stessa il mistero di quel concepimento. Ma come non rilevare  il ruolo fondamentale del colore nelle opere di Paola?  E qual è il messaggio criptato, l'enigma che questo colore sembra voler svelare?Forse quel giallo ci racconta dell'irrazionalità nascosta della nostra artista e quel blu in tutte le gradazioni la sua nostalgia di sentimenti puri, il suo desiderio di spiritualità. Osservando l'intensità del verde crediamo quasi di udire un suono di violino dai toni semigravi e intravediamo nell'artista una momentanea quiete appagante, ma a volte il verde, con l'apporto del nero, sconfina verso il blu e sembra inviare messaggi di intensa riflessione non proprio serena. Nelle opere di Paola Bradamante l'enigma resta, racchiuso in una forma informe, nella metafisica dei suoi colori, testimoni significanti della sua vibrante sensibilità."
Carla Mazzoni
"Una poièsis creativa, quella di Paola Bradamante che, muovendo le mosse da un solido background scientifico (segnatamente soprattutto chimico e biochimico), usa tecniche differenti, a iniziare da quella, pura creazione bradamantiana, dei "papeles mojados" (carte inumidite, umide, cariche d'acqua), dove forme e colori risaltano in maniera diversa, decisamente più viva, creando armonie e contrasti di rara efficacia. Forme e colori tra loro diverse, ma sempre totalmente afferenti a quel "mondo della vita" (il concetto è husserliano), al quale la dottoressa Bradamante guarda con attenzione scientifica, professionale e al tempo stesso umana, all'uso del vetro e del plexiglas che ha valore non certo solamente di rifrazione o meglio della rifrazione e dei suoi effetti si serve per guardare "oltre lo specchio" ("Trough the Looking-Glass", come recita il titolo del libro di Charles Lutwidge Dogson, alias Lewis Carroll, il matematico e scrittore autore anche di "Alice in Wonderland"). Con alcune "punte" nelle quali il colore "grida", come in "Furor Azul" (furore blu) che è al tempo stesso una dichiarazione poetica e una proposta estetica, che peraltro travalica la dicotomia, storicamente ormai celebrata e troppo duramente canonizzata, tra figurazione da un lato e arte astratta e informale dall'altra. Una produzione ricca e diversificata, che però converge unitariamente verso la creazione di un'arte che, fondendo pittura, tecniche altre, scultura e prospettive architettoniche, guarda decisamente anche a un "dopo", ossia a un'arte che, dopo l'implosione delle avanguardie protonovecentesche e della nebulosa detta "transavanguardia" e in svariati altri modi, non si accontenti della formula, tra l'altro sempre fraintesa, che si era detta – definita "morte dell'arte" ma continui a creare, conscia del continuo "work in progress" della creazione stessa. Con buona pace, oltre a tutto, di un situazionismo troppo letteralmente inteso..."
Eugen Galasso

Artist works

  • Aria
    Aria

    Artist: Paola Bradamante
    Technique: Mista su tela

    750,00€
  • Alga rosa
    Alga rosa

    Artist: Paola Bradamante
    Technique: Mista su tela

    420,00€
  • Ponte
    Ponte

    Artist: Paola Bradamante
    Technique: Mista su tela

    750,00€
  • Luce 2
    Luce 2

    Artist: Paola Bradamante
    Technique: Mista su tela

    420,00€
  • Terra
    Terra

    Artist: Paola Bradamante
    Technique: Mista su tela

    600,00€
  • Acqua
    Acqua

    Artist: Paola Bradamante
    Technique: Mista su tela

    600,00€